Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Tomivosertib aggiunto alla terapia continuativa con inibitori del checkpoint nei pazienti con risposta insufficiente al trattamento con un singolo agente


Nonostante l'ampia attività degli inibitori del checkpoint tra i tipi di tumore, la resistenza primaria o secondaria dopo la risposta iniziale rappresenta una sfida importante.

Tomivosertib, un potente inibitore altamente selettivo delle chinasi con proprietà immunosoppressive MNK-1 e MNK-2, blocca l'espressione delle proteine ​​checkpoint PD-1, PD-L1 e LAG-3, nonché le citochine immunosoppressive IL-6 e IL-8.
Nei modelli preclinici, Tomivosertib ha mostrato di innescare una risposta immunitaria antitumorale e di migliorare l'attività degli inibitori del checkpoint in modo dipendente dalle cellule T.
In precedenti studi clinici, Tomivosertib ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile in monoterapia e in combinazione con l'anticorpo diretto contro PD-L1 Avelumab.

Erano eleggibili i pazienti con insufficiente risposta ( progressione o malattia stabile per 12 settimane o più ) a qualsiasi inibitore del checkpoint approvato dalla FDA ( Food and Drug Administration ) in qualsiasi indicazione approvata.
Tomivosertib al dosaggio 200 mg orale BID ( due volte al giorno ) è stato aggiunto all'inibitore del checkpoint esistente fino a quando non è stata notata progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

39 pazienti ( 23 maschi, 16 femmine ) sono stati arruolati in sette tipi di tumore. L'età media era di 68 anni ( intervallo 42-85 ). Le precedenti terapie ( valore mediano ) erano 2 ( range 1-6 ).

I tumori più comuni erano: polmonare ( n=17 ), uroteliale ( n=6 ), renale ( n=5 ) e testa e collo ( n=5 ).

36 pazienti hanno continuato con l'anticorpo anti-PD-1 ( Pembrolizumab e Nivolumab, 18 ciascuno ) e 3 con l'anticorpo anti-PD-L-1 ( Durvalumab 2, Atezolizumab 1 ).

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3/4 che si sono verificati in più di 1 paziente sono stati: aumento della alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 2 ), aumento della creatinfosfochinasi ( CPK ) ( 2 ) ed eruzione maculo-papulare ( 2 ).

7 pazienti hanno interrotto il trattamento ( 18% ) a causa di eventi avversi attribuibili a entrambi i farmaci.

Tre risposte parziali ( PR ) secondo i criteri RECIST 1.1 sono state osservate in pazienti con precedente progressione nella terapia con inibitori del checkpoint, uno ciascuno nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule [ NSCLC ] ( 1/17 ), gastrico ( 1/1 ) e renale ( 1/5 ).

7 pazienti ( 41% ) con tumore NSCLC sono risultati liberi da progressione per 24 settimane o più.
Tutti i pazienti con tumore NSCLC erano entrati nello studio con progressione in base ai criteri RECIST 1.1 mentre erano in trattamento con l'inibitore del checkpoint a singolo agente prima di aggiungere Tomivosertib.

In conclusione, l'aggiunta di Tomivosertib alla terapia del checkpoint esistente è risultata ben tollerata e ha manifestato attività clinica tra cui risposte obiettive in pazienti con progressione durante trattamento con l'inibitore del checkpoint esistente.
Un tasso di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 24 settimane del 41% è stato osservato nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoImmunoterapia_2020



Indietro