Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Cardiobase

L'aggiunta di Durvalumab alla chemioradioterapia migliora la sopravvivenza globale nel tumore al polmone non-a-piccole cellule di stadio III non-operabile


Durvalumab ( Imfinzi ) ha indotto un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale, rispetto al placebo, nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non-operabile in stadio III senza progressione dopo chemioradioterapia.

I pazienti trattati con Durvalumab dopo chemioradioterapia hanno dimostrato un tasso di sopravvivenza globale di 24 mesi del 66.3% ( IC 95%, 61.7-70.4% ) rispetto al 55.6% ( IC 95%, 48.9-61.8 ) nei pazienti che hanno ricevuto placebo ( P a due code = 0.005 ).

Nello studio randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, multicentrico, di fase III, che comprendeva 713 pazienti in 235 Centri di studio in 26 Paesi, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale i pazienti in un rapporto 2:1 a ricevere 10 mg/kg di Durvalumab per via endovenosa ( n=476 ) oppure placebo ( n=237 ) ogni 2 settimane per un massimo di 12 mesi dopo chemioradioterapia.

Erano endpoint co-primari la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ); mentre gli endpoint secondari comprendevano: tempo al decesso o alle metastasi a distanza, tempo alla seconda progressione e sicurezza.

Alla prima analisi intermedia programmata dello studio, è stato osservato un miglioramento di 11.2 mesi nella sopravvivenza libera da progressione con Durvalumab rispetto al placebo.

Al 22 marzo 2018, il follow-up mediano era di 25.2 mesi ( range, 0.2-43.1 mesi ).

Durvalumab ha presentato una sopravvivenza globale significativamente più prolungata rispetto al placebo ( hazard ratio, HR=0.68; IC 99.73%, 0.469-0.999, P = 0.00251 ).

La sopravvivenza mediana globale non è stata raggiunta nel gruppo Durvalumab ed era di 28.7 mesi nel braccio placebo.

Le analisi aggiornate di sopravvivenza libera da progressione erano simili a quelle precedentemente riportate.
La sopravvivenza mediana senza progressione con revisione centrale indipendente in cieco è stata pari a 17.2 mesi con Durvalumab e a 5.6 mesi nel braccio placebo ( HR=0.51; IC 95%, 0.41-0.63 ).

Dall'analisi per sottogruppi è emerso che i pazienti non-fumatori hanno tratto benefici da Durvalumab; inoltre dalle analisi della sopravvivenza globale è risultato che il Cisplatino era il miglior farmaco al Platino da utilizzare nella parte terapeutica della terapia convenzionale.

Durvalumab ha anche migliorato gli endpoint secondari. Il tempo al decesso o alle metastasi a distanza è risultato pari a 28.3 mesi nel gruppo Durvalumab e a 16.2 mesi nel gruppo placebo ( HR=0.53, IC 95%, 0.41-0.68 ), e il 22.5% e il 33.8% dei pazienti, rispettivamente, ha sviluppato nuove lesioni dopo il trattamento.

Non sono stati riscontrati nuovi problemi di sicurezza con i dati aggiornati. In totale, il 30.5% di quelli nel braccio Durvalumab e il 26.1% di quelli nel gruppo placebo hanno presentato eventi avversi di grado 3 o 4 di qualsiasi causa.
Gli eventi avversi gravi si sono verificati rispettivamente nel 29.1% e nel 23.1% dei pazienti.
In totale, il 15.4% dei pazienti trattati con Durvalumab ha interrotto il trattamento rispetto al 9.8% di quelli trattati con placebo. ( Xagena )

Fonte: 19th World Conference on Lung Cancer ( WCLC ), 2018

Xagena_OncoImmunoTerapia_2018



Indietro